Buono pasto: un beneficio per tutti o per nessuno?

Gen 27, 2024 | Buoni Pasto

Indice:

  1. Introduzione
  2. Evoluzione dell’approccio normativo nel tempo
  3. Equità e generalità: principi chiave nell’uso dei buoni pasto
  4. Detassazione: condizioni essenziali
  5. Categorie omogenee: circolare dell’Agenzia delle Entrate del 29/03/18
  6. Flessibilità e adattamento aziendale
  7. Conclusioni

L’implementazione dei buoni pasto all’interno delle aziende è un tema spesso trascurato, ma cruciale per garantire equità e conformità normativa. Nel corso degli anni, l’evoluzione del mercato del lavoro ha portato a una revisione significativa dell’approccio originario, che mirava, genericamente, a fornire un supporto al reddito alla “generalità dei lavoratori”, senza distinzione alcuna.

Infatti, quando i buoni pasto sono stati introdotti in Italia alla fine degli anni Settanta, l’obiettivo era di estendere questo beneficio senza discriminazioni particolari. Tuttavia, la giurisprudenza e la normativa successiva hanno riconosciuto la diversità delle situazioni lavorative all’interno di un’azienda, includendo differenze in orari, mansioni, responsabilità e tipi di contratto.

Attualmente, il principio di base di equità e generalità dello strumento è stato rivisto, concentrandosi sulla prevenzione di situazioni di privilegio ad personam. Per beneficiare della detassazione, i buoni pasto devono essere destinati alla generalità dei dipendenti o a categorie omogenee di essi.

La circolare dell’Agenzia delle Entrate del 29 marzo 2018 n. 5/E ha ulteriormente precisato che i benefici devono essere erogati a categorie omogenee di dipendenti. Questa interpretazione flessibile dell’Agenzia mira a evitare concessioni di benefit personalizzate.

Già in precedenza, con la circolare 23 dicembre 1997 n. 326/E e circolare 16 luglio 1998 n. 188/E era stato precisato dall’amministrazione finanziaria che, per categorie omogenee non devono intendersi solo quelle previste dal codice civile (dirigenti, operai, ecc.), ma anche tutti i dipendenti di un certo tipo, ad esempio tutti i lavoratori con una certa qualifica o di un certo livello.

Il responsabile del personale potrà, quindi, identificare e definire con un certo grado di flessibilità categorie e gruppi omogenei in base alle esigenze specifiche dell’azienda e dei lavoratori.In sintesi, la chiave per massimizzare i vantaggi fiscali e garantire un’applicazione corretta dei buoni pasto è un approccio attento alla definizione di categorie omogenee, evitando privilegi individuali e promuovendo l’equità all’interno dell’organizzazione.

In conclusione, la flessibilità offerta dalla normativa consente alle aziende di adattare l’uso dei buoni pasto alle proprie esigenze, garantendo al contempo un trattamento equo per tutti i dipendenti.

Rimani aggiornato sulle ultime novità normative e assicurati di essere conforme ai requisiti richiesti per massimizzare i benefici del welfare aziendale: compilando il modulo a fondo pagina, potrai usufruire di una consulenza completa indispensabile per dare maggior coerenza ed efficacia al programma di welfare aziendale che hai in mente per la tua azienda.

Contatti

Vuoi utilizzare per tua Azienda Servizi Welfare quali: buoni pasto, buoni acquisto, buoni carburante, piattaforma per la gestione di Piani Welfare Aziendali?

Già utilizzi questi Servizi ma, vuoi risparmiare riducendo il budget ad essi dedicato?

In ogni caso potrai beneficiare di una consulenza completa ed approfondita su tutti gli strumenti per il Welfare che la Normativa consente. Solo così potrai trarre il massimo vantaggio e raggiungere i tuoi obiettivi.

Non dimenticare di farci sapere come vuoi incontrarci: via telefono, con una CALL oppure, presso la Tua Sede con un appuntamento.

Welfareunity di Riccardo Ritteri
Ag. Lazio Divisione Welfare Solutions Pellegrini S.p.A.
tel. +39 06 50933945 | direct line. +39 3931108002
e-mail: info@welfareunity.it
Indirizzo:Via Gustavo Giovannoni, 76 – 00128 – Roma (RM)

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Nome
Privacy
Newsletter